•          99 EURO AL MESE PER TUTTE LE SPESE DENTISTICHE COMPRESE

Presentazione

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

DELLA CASSA MUTUA DENTISTICA (CMD).

La CMD è la prima cassa mutua  in Italia dedicata  totalmente  alle  cure  dei denti e della bocca ed alla copertura integrale delle spese dentistiche.

Le casse mutue  di  assistenza sanitaria e le società  generali di mutuo soccorso  in questi ultimi anni ,  si   stanno riaffacciando   sullo scenario  della sanità pubblica  in risposta alle  tante difficoltà riscontrate   dal SSN , al bisogno di aggregazione e di rappresentatività nel settore della sanità integrativa italiana e   nel tentativo di  aprire un  dialogo sulle rinnovate esigenze del  welfare

La CMD  promuove anche  attività di carattere educativo e culturale dirette a realizzare obiettivi  di prevenzione sanitaria dentistica  e di diffusione dei valori mutualistici.

La CMD intende contribuire alla realizzazione di una banca dati internazionale per l’elaborazione dei dati in merito a patologie oncologiche del cavo orale.

La CMD non ha finalità di lucro, e persegue obiettivi  di interesse generale, sulla base del principio costituzionale di sussidiarietà e si  ispira ai principi della mutualità e della reciprocità.

la CMD grazie  alla  collaborazione ed alla convenzione  ottenuta nell’ottobre 2017 con il  MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE (MEF),   ha riservato, al dipendente pubblico ed a i suoi familiari,  un progetto finanziario per pagare le spese dentistiche   con  modalità estremamente vantaggiose.

il   progetto finanziario  della CMD è il progetto dentistaassicurato di cui è concessionaria in esclusiva, che    rappresenta   una novità assoluta nell’approccio tra dentista e paziente.

il progetto   dentistaassicurato  da un punto di vista clinico  è in grado di assicurare al  paziente le   cure dentistiche   continuativamente,   senza alcuna  limitazione,  neanche economica  ed  è stato  immaginato  per  rivoluzionare  completamente le modalità di pagamento delle spese dentistiche.

Il progetto dentistaassicurato   è una iniziativa straordinaria parametrata su standard sanitari e statistici “ made in Usa “e consente,  al   dipendente    pubblico    che  si iscrive alla CMD,  di   avere   ” tutte le spese del dentista comprese “  con una somma stabilita,  fissa e garantita.

Lo slogan  ”tutte le spese del dentista comprese vuol  dire che il dipendente pubblico   accede al progetto dentistaassicurato  con il  solo costo  di  99,00  euro al mese per quattro  anni, per un totale di  50  rate,

Con questa somma il paziente ottiene la copertura totale delle spese dentistiche  a lui  necessarie  per tutti e quattro  gli anni previsti e concordati.

Le cure dentistiche necessarie  vengono  infatti concordate  ed accettate   dal paziente già  durante la sua prima visita gratuita , che prevede, sempre a titolo gratuito , anche tutti gli accertamenti diagnostici, compresa la ortopanoramica e tutte le radiografie necessarie.

Durante   i  quattro  anni di   cura   non è prevista   nessuna altra  spesa aggiuntiva oltre  a   quelle  stabilite e soprattutto  se a cure terminate,   e   durante i  quattro  anni   si presentano  complicanze  o  si rendono   necessarie  altre nuove  cure  :   il progetto   dentistaassicurato le   garantisce  tutte  senza ulteriori costi.

Le cure  dentistiche   disponibili    sono proprio tutte quelle previste  dal   dentista : sono comprese  tutte le otturazioni e la conservativa,  le  cure  canalari  , la chirurgia della bocca ( estrazioni dei denti del giudizio), la parodontologia, l’eventuale terapia ortodontica completa, tutta la protesi fissa (corone in porcellana e/o zirconia), tutta la protesi mobile totale ( dentiere) e parziale ( scheletrati) , e persino anche tutti gli impianti  endossei necessari  e  stabiliti  insieme al paziente.

Tutte le cure sono previste   nella quantità   richiesta dal caso clinico  e dal paziente.

Il progetto dentistaasicurato  della CMD è destinato a modificare completamente anche in Italia il   rapporto professionale  tra il paziente ed  il dentista.

I benefici ottenuti dai pazienti sono eccezionali:

  • tutte le spese sono comprese per quattro anni
  • mai più equivoci con il dentista,
  • mai più spese aggiuntive improvvise

piuttosto :

  • terapie programmate ed eseguite rapidamente,
  • rapporti professionali con il sanitario chiari sin dall’inizio delle terapie,

costi contenutissimi per la salute totale della bocca.

quindi € 99,00 euro al mese per quattro  anni per tutte ” le spese dentistiche comprese”

questa è  la  prima soluzione gamma 1 del  progetto   dentistaassicurato.

Per il dipendente pubblico è prevista anche  una seconda soluzione economica: la gamma 2.

Qualora  infatti il paziente richiedesse cure dentistiche che prevedono costi inferiori a € 4950,00  euro il progetto dentistaassicurato prevede una seconda  possibilità   ”il listino  dentistaconvenzionato”.

In questo caso  sono previsti  per ogni cura dentistica  una serie  di costi convenzionati ed a prezzi assolutamente irripetibili parametrati e confrontati con il costo medio di mercato delle stesse cure.

Anche per questa seconda ipotesi il dipendente pubblico potrà  rateizzare comodamente   dal suo stipendio  le   spese dentistiche    stabilite con la CMD   mediante le trattenute dallo stipendio.

Questa seconda ipotesi, seppur sempre molto conveniente per i costi contenuti e per le possibilità di pagamenti rateizzati descritti di seguito, non rappresenta la vera e grande novità del progetto dentistaassicurato ma è comunque molto vantaggiosa.

E’ evidente che la CMD,con il suo progetto finanziario  nel rispetto delle normative delSSN,  intende superare    i  risultati    dei   fondi  sanitari integrativi  che si sono  rivelati insufficienti, tanto è vero che  per far fronte a tutte le numerose richieste  pervenute,  la CMD sta   programmando l’apertura di un fondo sanitario  ” di copertura  integrale delle spese dentistiche “, di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, che possa garantire,  a  qualsiasi dipendente pubblico,   la  copertura integrale  delle  spese  dentistiche.

Il primo vantaggio per il dipendente del pubblico impiego è  pertanto  evidente ed è  economico,  ma  non basta: egli   ha un altra   grande  opportunità :    infatti   grazie al MINISTERO DELLE FINANZE E DELL ECONOMIA (MEF )  il dipendente pubblico  può  utilizzare  il   sistema  della trattenuta  dallo  stipendio,  per pagare   alla CMD la rata di 99 euro al mese per le spese dentistiche.

Il MEF infatti    ha   studiato   ed apprezzato   il progetto della CMD  e  l’ha  inserito  tra le casse mutue   convenzionate   in qualità di  ente creditore del MEF  stesso.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF)  infatti,  per favorire il dipendente pubblico,  ha riconosciuto a livello nazionale,  la  rinnovata  ’utilità’ delle casse mutue  a sostegno della sanità pubblica   integrativa  e con la circolare  rgs/igf n. 2 del 15 gennaio 2015 ,  ha  istituito  il sistema di delegazione stipendiale  da convenzionare  alle  casse mutue ,   in  qualità di enti creditori.

Il sistema di delegazione stipendiale è una  semplice   trattenuta  dallo stipendio del dipendente  che va oltre la cessione  del quinto,  già previsto dal legislatore  e gli consente di pagare più agevolmente  le  sue   spese dentistiche.

Perché una  cassa mutua  possa essere accreditata alla gestione della trattenuta dello stipendio  ex rgs/igf n. 2 del 15 gennaio 2015)  è necessario che la Cassa  Mutua  sia  convenzionata  con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, dipartimento degli affari generali  del personale e dei servizi, direzione dei sistemi informativi e dell’innovazione (dag).

La convenzione  MEF/CMD  pertanto  è    la condizione preliminare ed imprescindibile perché un lavoratore  del pubblico impiego possa delegare all’amministrazione di appartenenza  l’onere del prelievo diretto delle rate per le spese dentistiche   dal proprio stipendio,   il  versamento della  trattenuta direttamente alla Cassa Mutua  Dentistica  in qualità di ente creditore.

Il MEF per diffondere la conoscenza  tra i dipendenti pubblici della delegazione stipendiale,  ha anche attivato il sistema NOI PA ed ha elaborato un portale – il portale NOI PA – in cui sono riportate tutte le casse mutue convenzionate.

Il portale NOI-PA  è  molto conosciuto e visitato  dai  dipendenti pubblici italiani perché’ mensilmente  ogni dipendente pubblico  controlla  “via internet ”  lo stato del proprio cedolino dello stipendio.

Nell’area del portale NOI-PA  sono pubblicate le `convenzioni centralizzate’ stipulate  dalle casse mutue   direttamente con la direzione dei servizi dell’informazione e dell’innovazione (dsii) del dag, con efficacia su tutti i dipendenti  pubblici gestiti nel sistema NOI-PA.

La cassa mutua dentistica  è stata riconosciuta come  cassa mutua per i suoi requisiti  dal  ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento degli affari generali, del personale e dei servizi, direzione dei sistemi informativi e dell’innovazione (dag).

Il mef  ha   valutato la conformità giuridica  e  i titoli  della CMD  con gli obiettivi propri delle casse mutue  ,ed ha  condiviso  con entusiasmo il progetto clinico ed  i  parametri economici offerti ai dipendenti pubblici .

Il MEF  quindi,  in data 30 ottobre 2017,  ha  sottoscritto con la CMD  la  convenzione    riportata ufficialmente nel portale NOI-PA,  con la quale ha  concesso  al  lavoratore  del pubblico impiego   di    delegare all’ amministrazione di appartenenza  l’onere del prelievo diretto delle rate per le spese dentistiche   dal proprio stipendio  ed   ha  autorizzato   la stessa amministrazione  di appartenenza del dipendente,   al  versamento della   trattenuta direttamente alla Cassa Mutua Dentistica,  fino alla copertura integrale delle spese dentistiche.

La CMD  dal 30 ottobre 2017,  è stata  anche  inserita , a pieno diritto  sul portale NOI-PA  del MEF  alla voce enti mutualistici ed è l’unica cassamutua accreditata dal MEF  alle spese dentistiche.

E’  utile ripetere  che  è  l’ amministrazione di appartenenza a pagare la CMD,  per le spese dentistiche stabilite dal dipendente.

La delega all’accredito stipendiale è un diritto del dipendente, non soggetto ad ulteriore autorizzazione ed  è   indipendente  da  una eventuale cessione del quinto  già attivata in precedenza.

 

Link della convenzione

https://noipa.mef.gov.it/

https://noipa.mef.gov.it/web/mypa/429

 

 

 

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.